Yemen: Lungo la via dell'incenso


Conferenza dedicata al Lariosauro



Un vivace casato lariano, immagini della conferenza

Il relatore Francesco d'Alessio, al termine della conferenza interpreta un brano scritto da Gian Raimondo Serponti (1846-1907).


Un vivace casato lariano


La famiglia Serponti tra industria, paesaggio, musica e architettura
I Serponti, di probabili origini teutoniche, furono già in tempi remoti tra i più influenti casati lariani. Complici i loro interessi mercantili e il loro arguto appoggio al governo visconteo, i Serponti furono beneficiati a fine Trecento della cittadinanza milanese e di importanti dotazioni immobiliari a Bellano e Chiavenna. Ben presto la preminenza sociale della famiglia, saldamente rimasta ancorata all'avita Varenna, convinse i suoi esponenti (grazie anche a una serie fortunata di cospicue eredità pervenute per l'estinzione di altri rami del casato) a guardare verso Milano, dove si trasferirono definitivamente dal primo Seicento. Fu l'inizio di una costante ascesa caratterizzata da importanti incarichi e ruoli governativi, culminata con l'acquisto del titolo di marchesi di Mirasole (1691) che sancì, insieme alla qualifica comitale concessa per amicizia dal duca di Modena nel 1720, il loro ingresso ufficiale nel circuito aristocratico. Agli antichi legami con dinastie preminenti ma locali come gli Airoldi e i Manzoni seguirono ben presto quelli con le maggiori dinastie del ducato meneghino: Cigogna, Durini, Caravaggio, Cagnola, Tosi. Al di là delle questioni genealogiche, le vicende del casato acquistano interesse per il legame con più ampie tematiche. Come l'interesse per lo sviluppo di attività manifatturiere - metallurgiche, cartarie e olearie - espresso con particolare rilevanza da Angelo Serponti (1750-1802), lo stesso che curò la riforma della vecchia dimora di Varenna dotandola di scenografico giardino piramidale sul quale in seguito gli Isimbardi fondarono l'attuale Villa Cipressi. Paesaggio e arte trovano efficace espressione sia nel legame familiare con i noti architetti neoclassici Luigi Cagnola e Felice Pizzagalli; che nelle bucoliche villeggiature di Trecate, Vimercate e Germanedo di Lecco. Musica e cultura si intrecciano invece nel valente pianista e compositore Gian Raimondo Serponti (1846-1907), vicino all'ambiente scapigliato e molto amico di Antonio Ghislanzoni. Con lui, ultimo discendente diretto della stirpe, si concluse la secolare vicenda del casato lariano.
Francesco D’Alessio

La conferenza


La fotografia per scoprire la natura

Sabato 19 marzo 2016 - ore 21
Presso la sede in via dell’Arco a Varenna 

La fotografia per scoprire la natura Relatore: Marina Gallandra
 
Lo scopo della fotografia naturalistica è raccontare la natura con l'immagine, documentare ambienti e forme di vita nel loro habitat naturale, essere un mezzo di trasmissione di conoscenza, sottolineare l'importanza della conservazione.
Ma anche il bisogno che ha l'anima di bellezza guida il fotografo nella ricerca di uno scatto che ritragga l'armonia profonda della natura...
         

La conferenza