Giovanni Galli, autore del libro L'ultima corsa del Plinio.

Il PLINIO protagonista di un romanzo.

Invito alla serata - sabato 20 ottobre ore 21.

Presso la sede in via dell'arco a Varenna in collaborazione con NAVILARIANE.

Il PLINIO protagonista di un romanzo.
Relatore Giovanni Galli

“Il Plinio è uno dei battelli a pale che hanno fatto la storia della navigazione a vapore sul Lago di Como.

Terzo battello con questo nome, il Plinio fu varato nel 1903 e rimase in servizio fino al 1963 quando fu posto in disarmo.

Dieci anni dopo, fu venduto al Centro Nautico di Colico. Qui rimase per ventisei anni, malinconicamente ancorato di fronte al paese e trasformato in bar-ristorante.

Nel 1999 fu venduto al gestore di un albergo, che lo fece trasportare sul Lago di Mezzola.

Undici anni dopo il Plinio affondò nelle acque del lago a causa della mancata manutenzione.

L’ultima corsa del Plinio racconta il viaggio del battello da Como a Colico. I luoghi e le vicende del Lario rivivono attraverso gli occhi e la memoria del capitano Francesco Cavadini, che aveva comandato il Plinio per tanti anni. Il viaggio è quasi un addio, simile a quello che Lucia Mondella pronuncia mentalmente quando deve lasciare il suo paese: “Addio monti, sorgenti dalle acque ed elevati al cielo… addio!”


Giovanni Galli viene da una famiglia lariana che trae le sue origini da un altro Giovanni, calzolaio a Dongo all’inizio dell’Ottocento. Dopo essere andato in pensione ha scritto numerosi romanzi, racconti e saggi storici legati ai luoghi che gli sono cari, in particolare al Lario: L’isola, Il segreto dell’isola, La piramide di Laglio, Il lariosauro, Racconti di lago e di valle, Bella ciao.

Serata dedicata alla Cina

Si è ripresentata anche quest’anno l’occasione di viaggiare per il mondo, lungo itinerari particolari, tramite la visione delle immagini presentate da Pupa ed Enrico Besta.


“Lungo la Via della Seta” si è ripercorsa l’antica pista carovaniera attraverso deserti sconfinati, cime innevate, lussureggianti oasi e grotte buddhiste.

Particolarmente interessante è stata la presentazione di reperti raccolti durante il viaggio.







Sabato 29 settembre - ore 21

Presso la sede in via dell’Arco a Varenna
si terrà una serata dal tema:
Cina: lungo la via della seta
Testimonianze, immagini e reperti di Pupa ed Enrico Besta

Ingresso libero

Attivita di Settembre e Ottobre

Settembre
Sabato 29 – ore 21 Presso la sede in via dell’Arco a Varenna.
CINA: Lungo la via della seta, testimonianze, immagini e reperti.
A cura di Pupa ed Enrico Besta.

Ottobre
Sabato 20 – ore 21 Presso la sede in via dell’Arco a Varenna.
Il Plinio protagonista di un romanzo.
Relatore Giovanni Galli
In collaborazione con Navilariane.

Visita all'Isola Comacina

Sabato 9 giugno come in programma i soci dell’Associazione Scanagatta hanno visitato l’Isola Comacina con l’importante ed utile presenza della Dott.ssa Marna Uboldi.


Lungo il tragitto, abbiamo osservato le belle residenze che si affacciano sul lago, tra queste spicca
la villa del “Balbianello”, ultima dimora dall'esploratore Guido Monzino che la arredò con cimeli dalle sue spedizioni. Monzino morì nel 1988 e lasciò la villa al Fondo per l'Ambiente Italiano.



Altra prestigiosa villa è la “Cassinella”, pare che attualmente sia nelle mani del presidente della Virgin, Richard Branson. Entrambe le ville sono situate nel comune di Lenno.



Hospitalis di S. Maria Maddalena con il suo caratteristico campanile gotico.

 

La Dott.ssa Marina ci accompagna alla visita dell’Antiquarium.
L’antica via Regina.
La chiesa romanica di S. Maria Maddalena.

Attraversiamo la cosiddetta “Zoca dell’oli” per lo sbarco all’Isola Comacina.

Lo storico piroscafo “Milano” sta attraccando all’isola.

La chiesa dedicata a S. Giovanni.

Interno della chiesa di S. Giovanni.

Resti di epoca romana conservati sotto la chiesa di S. Giovanni.

Aula battesimale biabsidata.

Ruderi della Torre e della Basilica di Sant’Eufemia.




Chiesa di S. Maria col portico.

Chiesa di San Pietro in castello.


Complesso dei Santi Faustino e Giovita.
 


La “Zoca dell’oli” e il paese di Ossucio.
Per saperne di più cliccare Isola Comacina

L’ISOLA COMACINA 2000 anni di storia.

Sabato 21 aprile - ore 21, presso la Sede in via dell’Arco a Varenna

Conferenza di Marina Uboldi
Ingresso libero

L’Isola Comacina fu protagonista della storia comasca in età romana e altomedievale, quando divenne elemento fondamentale delle difese del Lario. Fu anche uno dei più importanti centri religiosi, come attestano i resti di ben sei edifici sacri di grandissimo interesse. La storia dell’Isola si interruppe nel 1169, quando tutti gli edifici vennero rasi al suolo dai Comaschi alleati del Barbarossa contro i Milanesi con cui l’Isola si era schierata.

Il trasferimento delle famiglie più importanti dell’Isola proprio a Varenna valse al nostro paese la denominazione di Insula Nova.

Apprezzata per la sua natura privilegiata e gli splendidi panorami, a partire dai primi del ‘900 l’Isola è stata studiata dagli archeologi, in particolare Ugo Monneret de Villard e Lugi Mario Belloni. Ha visto inoltre la costruzione di tre case in stile razionalista, destinate a sede per artisti, recentemente restaurate ed aperte alla visita.

Nell’ambito dell’Accordo Quadro di Sviluppo territoriale “Magistri Comacini”, promosso da Regione Lombardia, Provincia di Como, Fondazione Isola Comacina e Fondazione Cariplo è in corso un’attività di restauro conservativo e valorizzazione.

Nella frazione di Ospedaletto, proprio all’interno dell’antico Hospitalis di S. Maria Maddalena luogo dedicato all’accoglienza dei poveri e dei pellegrini, è allestito il Centro visitatori per l’imbarco verso l’Isola e un Antiquarium dove sono raccolti i reperti archeologici da essa provenienti.

Un raid nautico sul Lario

Sabato 24 marzo - ore 21
Presso la Sede in via dell’Arco a Varenna
“Un raid nautico sul Lario: proposte e progetti di nuove imbarcazioni tipiche a vela e a remi”

Relatore: Cesare Pellegrini


















In collaborazione con Navilariane

Ingresso libero

Attività di Marzo e Aprile

Marzo

Da lunedì 5 - Corso di yoga.
orari:18.30 – 20.00 Presso la sede in via dell’Arco
Per iscrizioni e informazioni Antonella 338 2192273


Sabato 17 – ore 15 Presso la sede in via dell’Arco
Assemblea Associazione Culturale “L. Scanagatta”
Ordine del giorno:
Relazione del presidente sulle attività svolte nel 2011.
Relazione del tesoriere sul bilancio consuntivo 2011 e relativa approvazione.
Bilancio di previsione per l’anno 2012.
Rinnovo delle cariche sociali. La presentazione di nuove candidature dovrà pervenire entro il 10 marzo.
Presentazione attività 2012.


Sabato 24 – ore 21 Presso la sede in via dell’Arco
“Un raid nautico sul Lario: proposte e progetti di nuove imbarcazioni tipiche a vela e a remi”
In collaborazione con Navilariane
Relatore: Cesare Pellegrini

Aprile

Sabato 21 – ore 21 Presso la sede in via dell’Arco "L’Isola Comacina, 2000 anni di storia e archeologia".
L’Isola Comacina fu protagonista della storia comasca in età romana e altomedievale, quando divenne elemento fondamentale delle difese del Lario. Fu anche uno dei più importanti centri religiosi, come attestano i resti di ben sei edifici sacri di grandissimo interesse. La storia dell’Isola si interruppe nel 1169.
Relatore: Marina Uboldi

La conferenza

Erico Gorza, autore del prestigioso volume La Moderna Xilografia in Italia 1808-1897.


il relatore mostra una xilografia



xilografie







La Moderna Xilografia in Italia 1808-1897

L’Associazione Culturale L. Scanagatta
propone per sabato 18 febbraio 2012 presso la sede in via dell'Arco a Varenna "La Moderna Xilografia in Italia 1808-1897"
Rivalutazione dell’operato degli incisori silografi Italiani che nell’Ottocento hanno applicato in Italia il moderno metodo di incisione silografica.
Relatore Erico Gorza

immagini della giubiera













La Giubiera

26 gennaio 2012

ore 20,30 ritrovo: Piazza San Giorgio, in rumorosa allegria si svolgerà il tradizionale percorso tra le contrade di Varenna, per poi ritrovarci presso la Sede dell’Associazione Scanagatta - ingresso libero - In via dell’Arco a brindare con vin brulé e degustare torte caserecce, in compagnia degli Alpini di Varenna.

Che cosa è la Giubiera? Si suppone che questa tradizione ricorrente ogni ultimo giovedì di gennaio, risalga all’epoca dei primi insediamenti delle tribù Celtiche le quali iniziarono questo rito pagano con lo scopo di propiziare una buona primavera, per avere raccolti abbondanti. La primavera veniva così accolta con giubilo, da qui il termine locale giubiera. Successivamente il rito si trasformò in una festa rumorosa per la scacciata dell’inverno. Anticamente si trascinavano le catene dei camini, sporche di fuliggine, per le contrade del paese fino alla totale pulizia.

Programma 2012

Gennaio
Giovedì 26 – La Giubiera, tradizionale festa popolare “per scacciar l’inverno”.

Febbraio
Sabato 18 - La Moderna Xilografia in Italia 1808-1897Rivalutazione dell’operato degli incisori silografi Italiani che nell’Ottocento hanno applicato in Italia il moderno metodo di incisione silografica. Relatore Erico Gorza

Marzo
Sabato 17 – ore 15 – Assemblea Associazione Culturale “L. Scanagatta”Sabato 24 – ore 21 – Un raid nautico sul Lario. Relatore Cesare Pellegrini
In collaborazione con Navilariane
Aprile
Sabato 21 – L’Isola Comacina, 2000 anni di storia e archeologia.
L’Isola Comacina fu protagonista della storia comasca in età romana e altomedievale, quando divenne elemento fondamentale delle difese del Lario. Fu anche uno dei più importanti centri religiosi, come attestano i resti di ben sei edifici sacri di grandissimo interesse. La storia dell’Isola si interruppe nel 1169. Conferenza di Marina Uboldi

Maggio
Sabato 12 e domenica 13 – Gita a Mantova e Sabbioneta
Giugno
Sabato 09 – Visita all’Isola Comacina e Ossuccio - Chiesa di S. Maria Maddalena (con il caratteristico campaniletto romanico).
Antiquarium - giro dell’Isola: resti di abitazioni altomedievali, Chiesa di S. Giovanni Battista, con resti di edifici più antichi conservati sotto la pavimentazione, aula battesimale biabsidata, Basilica di S. Eufemia; resti della Chiese di S. Maria col Portico e di S. Pietro in castello; chiesetta conventuale dei SS. Faustino e Giovita.

Settembre
Sabato 29 – CINA: Lungo la via della seta – a cura di Pupa ed Enrico Besta

Dicembre
Sabato 01 - Cena sociale “Cucina Trentino-Alto Adige”